Altipiani trentino-veneti con la mtb
Itinerario 21
Salita dal Bivio Galmarara al Bivio Italia

Vai agli altri itinerari di questa area


Aggiornamento: 7/2009
Partenza: Bivio Galmarara
Come arrivare:
Itinerario.
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la comoda sterrata che passa al di sopra della Malga Galmarara.
Saliamo con parecchi tornanti e raggiungiamo la massima quota in corrispondenza di una spalla (km 3,1) con alcune lapidi.
In discesa la strada passa al piede di pareti verticali e raggiunge il punto più basso (km 4).
In lieve salita raggiungiamo l'incrocio chiamato I Monumenti (km 6). L'itinerario 20 va a sinistra mentre ora svoltiamo a destra.
La strada sale sinuosa e, superata una rampa, raggiunge la grande conca carsica di Campo Gallina (km 7,2). Durante la Grande Guerra fu sede di un centro logistico (ospedali, magazzini, cucine) di cui restano molte rovine.
Guadagniamo quota con qualche tornante e la salita è resa faticosa dal pietrisco. Raggiungiamo la Selletta Mecenseffy (generale qui ucciso; km 10,1) e cominciamo a scendere.
Dopo qualche tornante la strada spiana e prosegue poi lieve discesa fino al Bivio Italia (km 11,8).
A sinistra la strada va all'Ortigara (itinerario 17), quella di fronte scende al Bivio Conrad.
Dislivello: 520 m
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 0%
Osservazioni:

   gps  foto  foto


Ascent from Bivio Galmarara to Bivio Italia

Updating:
7/2009 We turn to the left and we follow the comfortable unsurfaced road that passes above the Malga Galmarara.
We climb with quite a lot hairpin bend and we reach the maximum altitude in correspondence of a shoulder (km 3,1) with some headstones.
In descent the road passes to the foot of vertical walls and reaches the lowest point (km 4).
In light slope we reach the intersection called The Monuments (km 6). The itinerary 20 go to the left while we now turn to the right.
The road climbs sinuous and, overcome a ramp, it reaches the great karstic basin of Campo Gallina (km 7,2). During the Great War it lodges a logistic center (hospitals, stores, kitchens) of which a lot of ruins stay.
We gain high with some hairpin bends and the slope it is made fatiguing by the rubble. We reach the Selletta Mecenseffy (general here killed; km 10,1) and we start to go down.
After some hairpin bends the road flattens and continues then light descent up to the Fork Italy (km 11,8).
To the left the road goes to the Ortigara (itinerary 17), that opposite goes down to the Fork Conrad.
Gradient: 520 ms
Cycle: 100%
Asphalt: 0%
Observations: