Percorsi mtb sulle Alpi Liguri
Itinerario 44
Giro del Mondolè

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 6/2012
Punto di partenza: Artesina
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 31.
Itinerario.
Partiamo dal piazzale di Artesina superiore prendendo la strada sterrata che scende presso la partenza della seggiovia.
Seguiamo la strada fin dove, a sinistra, si apre un passaggio (km 0,2) foto che immette nella strada asfaltata.
Saliamo su asfalto fino a un piazzale sotto un palazzone dove inizia lo sterrato (km 0,8).
La strada sale a un bivio (km 1) dove svoltiamo a sinistra in una strada minore.
La strada sale ripida, poi scende a un pista da sci dove attraversa la monorotaia foto (km 1,2; fare la massima attenzione all'arrivo dei carrelli!!) e risale la pista, guadagna quota con qualche tornante foto e raggiunge un bivio (km 2,5).
Giriamo a sinistra e saliamo i pochi metri che ci portano ad un bar ed al vicino valico.
Proseguiamo per qualche metro e svoltiamo a sinistra imboccando una strada forestale. Con percorso quasi pianeggiante entriamo in un vallone e raggiungiamo un ruscello (km 3,3) dopo il quale saliamo con qualche tornante foto fino a un valico (km 4,2) foto.
Svoltiamo a destra ed affrontiamo una rampa molto ripida foto. Saliamo faticosamente fino ad un bivio (km 5,1) dove ignoriamo la strada che scende a destra (riporta al bar).
Saliamo con qualche tornante ed entriamo in un vallonetto foto. Passiamo a fianco del rifugio dell'ANA (km 6,1) dove prendiamo la strada a destra foto che porta alla Colla Balma (km 6,4) foto.
Seguiamo a sinistra la sterrata in leggera discesa, in comune con l'itinerario 40. Raggiungiamo un bivio (km 8,1) dove svoltiamo a destra ed affrontiamo la dura salita che ci porta a passare ai piedi del Dente del Seirasso.
Con salita più moderata raggiungiamo le costruzioni di un gias.
Seguiamo la strada che sale tra le costruzioni e termina (km 9,1). Attraversiamo il pascolo raggiungendo una palina segnaletica. Seguiamo il sentiero che sale, prevalentemente non ciclabile.
Con un'ultima impedalabile rampa usciamo alla Colletta del Seirasso (km 10) foto. Lasciamo l'itinerario 40 che scende diritto e scendiamo obliquando a destra. Il sentiero è evidente per un buon tratto poi scompare, ma proseguiamo puntando alle visibili vasche di un abbeveratoio che raggiungiamo (km 10,4).
Su largo ed evidente sentiero andiamo a destra ed attraversiamo senza perdere quota raggiungendo un altro abbeveratoio (km 11,2).
Saliamo pochi metri per superare un cocuzzolo. Per la discesa dobbiamo seguire la traccia più marcata tra quelle, numerose, che solcano il versante.
Le tracce confluiscono in una pista forestale che attraversa il ripido versante occidentale del Mondolè.
Attraversiamo l'imbuto del canalone che scende dalla vetta e raggiungiamo la Colla Bauzano (km 12,7).
Saliamo alla stazione di arrivo della seggiovia e prendiamo la strada di servizio che scende all'evidente strada sterrata (km 13,2).
La seguiamo in ripida discesa fino ad un bivio (km 14,6) dove andiamo diritti. Scendiamo ad una costruzione (km 15,1; Sella Pogliola) dove seguiamo la strada che va a destra e prosegue poi a sinistra.
Passiamo in una breve galleria e seguiamo la strada in costante discesa che ci porta al bivio dove ritroviamo la strada di salita (km 16,5).
Andiamo diritto al tornante dove lasciamo a destra e svoltiamo a destra incrociando la pista di discesa DH (km 16,6).
Seguiamo a sinistra la pista ma la lasciamo dopo circa 200 metri per scendere a sinistra a un sentiero che, seguito, scende a una strada sterrata (km 16,8).
Seguiamo la strada in salita a destra fino al piazzale di Artesina (km 17,2).
Dislivello: ±815 m.
Ciclabilità: 94%
Asfalto: 4%
Osservazioni:

mappa  gps


Tour of the Mondolè

Updating:
6/2012
Start point: Artesina
How to arrive: The village is reached by the itinerary 31.
Itinerary.
We depart from the square of superior Artesina taking a trace of path that climbs beside the tapis roulant. After fifty meters we turn to the right and we reach a dirt road that it climbs to the left (km 0,2). After less than one hundred meters we turn to the left on another road.
We are following contrarily the itinerary 31.
The road climbs steep, it crosses and it goes up on a ski-track, it gains quota with some hairpin bend and it reaches a fork (km 1,9).
We turn to the left and we climb the few meters that bring us to a cafe and to the near pass.
We continue for some meter and we turn to the left taking a forest road. With almost level run we enter a valley and we reach a brook after which climb with some hairpin bend and a slope that it brings us to a pass (km 3,7).
We turn to the right and we face a very steep ramp. We laboriously go up to a fork (km 4,6) where we ignore the road that goes down to the right (it brings to the cafe). After few meters we leave this road and we turn to the left on another road that climbs.
We go up with some hairpin bend and we enter a valley. We pass beside the hut of the ANA and we go out on the ridge. To the right few meters bring us to the Balma Pass (km 5,9).
We follow to the left the unmetalled road in light descent, in common with the itinerary 40. We reach a fork (km 7,4) where we turn to the right and we face the hard slope that brings us to pass to the feet of the Tooth of the Seirasso. With more moderate slope we reach the constructions of a "gias".
We follow the road that climbs among the constructions and it finishes (km 8,4). We cross the pasture reaching a descriptive ranging rod. We follow the path that climbs, predominantly not cycle.
With a last not cycle ramp we go out to the Colletto of the Seirasso (km 9,4). We Leave the itinerary 40 that it goes down straight on and we go down to the right. The path is evident for a good tract then it disappears, but we continue aiming to the visible tubs of a drinking trough that we reach (km 9,8).
On wide and evident path we go to the right and we cross without losing quota reaching another drinking trough (km 10,6).
We climb few meters to overcome a summit. For the descent we have to follow the most marked trace among those, numerous, that plough the slope.
The traces meet on a forest track that crosses the steep western slope of the Mondolè.
We cross the gully that goes down from the peak and we reaches the Bauzano Pass (km 12,1).
We go up to the station of arrival of the chair lift and we take the road of service that goes down to the evident road (km 12,6). We follow it in steep descent to a fork (km 14) where we go straight. We go down to a construction (km 14,4; Sella Pogliola) where we follow the road that goes to the right and it continues to the left then. We pass in a brief gallery and we follow the road in constant descent that brings us to the square of Artesina (km 16,2).
Gradient: ±760 ms.
Cycle: 94%
Tarmac: -%
Observations: