Percorsi mtb sulle Alpi Liguri
Itinerario 85
Traversata da Chiusa Pesio a Peveragno

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 3/2016
Partenza: Chiusa Pesio
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 61.
Itinerario.
Dal centro di Chiusa Pesio raggiungiamo la provinciale per la Certosa e la attraversiamo all'incrocio situato circa trecento metri a nord del cimitero.
Percorriamo un bel viale di platani e seguiamo la strada che corre sinuosa tra i campi portandoci a Montefallonio (km 3).
Alla chiesa svoltiamo a sinistra (palina segnaletica) e seguiamo una strada asfaltata fino al bivio (km 3,5) dove lasciamo a sinistra la Via dei Morti e l'itinerario 62.
Seguiamo l'asfalto tra case sparse fino all'incrocio (km 4,2) con la sterrata Strada Bedale della Ressia che seguiamo a destra.
La strada sale leggermente, scende un poco e prosegue con andamento quasi pianeggiante. Dopo un ponte (km 5,2) saliamo qualche metro mentre la strada diventa asfaltata.
In corrispondenza di un palo della corrente (km 5,4) svoltiamo a sinistra entrando su una pista campestre che sale attraverso i prati.
Usciamo su una strada asfaltata (km 5,6) e la seguiamo a sinistra per cinquanta metri. Entriamo nel prato a destra seguendo una debole traccia e i segnavia.
Il sentiero sale a una strada (km 5,8) che seguiamo a sinistra. La strada diventa sterrata e sale a un incrocio (km 6,3) dove svoltiamo a destra.
Raggiungiamo una strada asfaltata e la seguiamo a destra scendendo per quaranta metri.
Imbocchiamo il sentiero a sinistra che costeggia una casa ed entra in un bosco per terminare sull'asfalto (km 6,7).
Andiamo a sinistra in salita; la strada diventa sterrata e la lasciamo al primo bivio (km 7) per prenderne un'altra più stretta che scende rapidamente a un guado (km 7,2).
Percorriamo il sentiero a mezzacosta che termina sull'asfalto sulla piazza del Santuario Madonna dei Boschi (km 7,4).
Seguiamo l'asfalto in discesa fino a un incrocio (km 7,8) dopo una Cappella.
Saliamo a sinistra e andiamo diritto di fronte al Centro Congressi. La stradina diventa sterrata e si inoltra fra i campi.
Attraversiamo una strada asfaltata (km 8,2) e proseguiamo sulla strada di fronte dove troviamo il segnavia AVstring . Usciamo sull'asfalto di via Pontetto (km 8,8) e lo seguiamo a sinistra fino a un incrocio (km 9,2) dove svoltiamo a sinistra seguendo le indicazioni della palina segnaletica.
Dopo cinquanta metri prendiamo la strada campestre a destra e la seguiamo fino al tornante (km 9,7) dove proseguiamo sul sentiero a destra e attraversiamo il bosco con qualche saliscendi. Il sentiero si allarga e raggiunge una strada asfaltata (km 10,4).
Attraversiamo la strada entrando nel prato dove scende una debole traccia. Attraversiamo un'altra strada asfaltata e un ponte (km 10,5).
Superiamo una cascina (km 10,6) e scendiamo a guadare il rio (km 11,2). Dopo una salita non ciclabile attraversiamo un prato e usciamo su una strada asfaltata (strada Valfredda; km 11,3).
Saliamo a sinistra fino a un incrocio (km 11,5) dove svoltiamo a destra sulla sterrata Via del Colletto.
La strada termina in località Colletto (km 12,2) dove seguiamo a destra l'asfalto per trenta metri,
Prendiamo la strada forestale a sinistra e saliamo a un bivio (km 12,5) dove andiamo diritto con pendenza minore. Superiamo un Tetto in rovina ed entriamo in una bella valle dove giriamo a sinistra al primo incrocio (km 12,9).
La strada sale a un bivio sul crinale e qui andiamo a destra in salita su sentiero.
Al termine della salita il sentiero percorre il crinale per un po' e poi piega a sinistra (km 13,2).
Attraversiamo il bosco fino a uscire sul crinale NE (km 13,5) che percorriamo in discesa fino a una sella.
Proseguiamo in piano e raggiungiamo una strada sterrata (km 14) e la seguiamo a sinistra fino al vicino bivio.
Scendiamo a sinistra a un seccatoio (km 14,2) dove teniamo la destra e saliamo leggermente fino al termine della pista forestale (km 14,4).
Scendiamo a sinistra su sentiero con qualche tornante separato da lunghe diagonali e arriviamo a una sella (km 14,9) dove arriva una strada forestale.
Andiamo diritto prendendo il sentiero che costeggia una recinzione e attraversa i boschi fino a un bivio di fronte a un'altra recinzione (km 15,6).
Svoltiamo a sinistra scendendo con alcuni distanziati tornanti che ci portano a un bivio nei pressi della visibile Cappella di Santa Rita (km 16).
Svoltiamo a destra e scendiamo con facile percorso tra i boschi fino al termine della mulattiera (km 17,1) sull'asfalto presso la Cappella di San Rocco da Munt.
Scendiamo al semaforo e attraversiamo la SP seguendola poi a sinistra fino al bivio (km 17,3) con segnaletica.
Giriamo a destra e subito a sinistra su una larga sterrata. La strada diventa asfaltata nei pressi di una casa (km 17,6) ma ritorna strada campestre subito dopo.
Scendiamo costeggiando i prati fin quasi alla SP che la mulattiera costeggia fino a raggiungerla (km 19,1).
Seguiamo l'asfalto (pista ciclabile) fino a raggiungere Peveragno (km 20,2).
Dislivello: ±470 m.
Ciclabilità: >99%
Asfalto: 36%
Osservazioni: l'itinerario è di complessa descrizione ma spesso la segnaletica è di aiuto.


mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 2016/3
Start point: Chiusa Pesio
How to arrive: The village is reached by the itinerary 61.
Itinerary.
From the center of Chiusa Pesio we reach the provincial road for the Chartreuse and we cross it at the intersection situated around three hundred meters north of the cemetery.
We cross a beautiful avenue of plane trees and follow the road that races sinuous among the fields bringing us to Montefallonio (km 3).
At the church we turn to the left (descriptive ranging rod) and follow the asphalted road up to the fork (km 3,5) where we leave to the left the Street of the Corpses and the itinerary 62.
We follow the asphalt among shed houses up to the intersection (km 4,2) with the unpaved road Road Bedale of the Ressia that we follow to the right.
The road slightly climbs, goes down a bit and it continues with almost level course. After a bridge (km 5,2) we climb some meter while the road becomes asphalted.
In correspondence of a power line pole (km 5,4) we turn to the left entering on a rural track that climbs through the lawns.
We go out on an asphalted road (km 5,6) and we follow to the left it for fifty meters. We enter to the right the lawn following a weak trace and the trail signs.
The path climbs to a road (km 5,8) that we follow to the left. The road becomes unpaved road and goes up to an intersection (km 6,3) where we turn to the right.
We reach an asphalted road and follow to the right it going down for forty meters.
We take the left path that it skirts along a house and it enters a wood to end on the asphalt (km 6,7).
We go to the left to slope; the road becomes a dirt road and we leave it at the first fork (km 7) to take another more narrow road than it quickly goes down to a ford (km 7,2).
We cross the hillside path that finishes on the asphalt on the square of the Sanctuary Madonna of the Woods (km 7,4).
We follow the asphalt in descent up to an intersection (km 7,8) after a Chapel.
We go up to the left and go straight in front of the Center Congresses. The narrow road becomes a rural road and forwards its among the fields.
We cross an asphalted road (km 8,2) and continue on the opposite road where we find the trail sign AVstring . We go out on the asphalt of street Pontetto (km 8,8) and follow to the left it up to an intersection (km 9,2) where we turn to the left following the indications of the descriptive ranging rod.
After fifty meters we take to the right the rural road and follow it up to the hairping bend (km 9,7) where we continue to the right on the path and cross the wood with some ups and downs.
The path widens and reaches an asphalted road (km 10,4).
We cross the road entering the lawn where a weak trace goes down. We cross another asphalted road and a bridge (km 10,5).
We overcome a farmhouse (km 10,6) and go down to ford the brook (km 11,2). After a non cycle slope we cross a lawn and go out on an asphalted road (road Valfredda; km 11,3).
We climb to the left up to an intersection (km 11,5) where we turn to the right on the unmetalled road of the Colletto.
The road finishes in the place Colletto (km 12,2) where we follow to the right the asphalt for thirty meters,
We take to the left the forest road and climb to a fork (km 12,5) where we go straight on with smaller inclination. We overcome a ruined Tetto and we enter a beautiful valley where we turn to the left at the first intersection (km 12,9).
The road climbs to a fork on the ridge and we go to the right here on the uphill path.
At the end of the slope the path crosses the ridge for a bit and then turn left (km 13,2).
We cross the wood up to go out on the North-East ridge (km 13,5) that we cross in descent up to a saddle.
We continue in plain and we reach a forest road (km 14) and follow to the left it up to the near fork.
We go down to the left to a squeegee (km 14,2) where we keep on the right and slightly go up to the term of the forest track (km 14,4).
We go down to the left on path with some hairping bend separated by long diagonals and reach a saddle (km 14,9) where a forest road arrives.
We take the path that an enclosure skirts along and crosses the woods up to a fork in front of another enclosure (km 15,6).
We turn to the left going down with some outdistanced hairping bend that bring us to a fork near the visible Chapel of Saint Rita (km 16).
We turn to the right and go down with easy run among the woods up to the term of the mule-track (km 17,1) on the asphalt near the Chapel of St. Rocco da Munt.
We go down to the traffic light and cross the SP following to the left then it up to the fork (km 17,3) with system of signs.
We turn to the right and immediately to the left on a wide unmetalled road. The road becomes asphalted near a house (km 17,6) but it returns later immediately rural road.
We go down skirting along the lawns almost to the SP that the mule-track skirts along up to reach it (km 19,1).
We follow the asphalt (cycle track) up to reach Peveragno (km 20,2).
Gradient: ±470 ms.
Cycle: >99%
Asphalt: 36%
Observations: the itinerary is of complex description but often system of signs is of help.