Percorsi mtb sulle Alpi Liguri
Itinerario 95
Salita dal Gias Mascarone al rifugio Havis-De Giorgio

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 8/2017
Partenza: Gias Mascarone
Come arrivare: Il gias è raggiunto dall'itinerario 29 e dall'itinerario 36
Itinerario.
Partiamo dal gias per prendere la mulattiera che scende dietro alla costruzione.
Lasciamo a destra l'itinerario 30 (km 0,4) e proseguiamo sulla strada che sale con qualche parte ripida.
A un bivio (km 0,9) lasciamo la strada e saliamo a sinistra.
Superiamo un abbeveratoio (km 1,2), saliamo ancora un poco e scendiamo verso il Gias Crösa.
Poco prima di raggiungere gli edifici saliamo a sinistra in modo da passare a monte delle costruzioni (km 1,7).
Il sentiero sale ripido a una spalla e al vicino bivio seguente (km 2) dove andiamo diritto.
Percorriamo una parte in moderata salita ma con qualche passaggio roccioso e arriviamo a una spalla (km 2,3) della Cima Piastra da dove vediamo la prosecuzione del sentiero.
Scendiamo brevememente a una sella (km 2,5) e riprendiamo la salita.
Passiamo a fianco di una pozza e saliamo più ripidamente.
Il sentiero sparisce quando ormai siamo in vista dell'ometto che sorge sul Valico del Cars (km 2,9).
Non saliamo al valico ma, presso le rovine del gias, svoltiamo a sinistra.
La debole traccia attraversa il ripiano e diventa un buon sentiero quando inizia la discesa.
Senza particolari dificoltà arriviamo al rifugio Comino (normalmente chiuso; km 3,4).
Il sentiero prosegue in ripida discesa perdendo quota con qualche tornante e costeggiando le pietraie alla base della pareti.
Arriviamo su un piano (km 3,7) che ospitava un gias e ne usciamo in basso a destra dove il sentiero riprende.
Attraversiamo ora a destra passando ai piedi della parete della Cima Cars.
Superiamo qualche saliscendi e alcune zone sassose dove dobbiamo stare attenti alle pietre spigolose.
Una discesa ci porta al termine del sentiero sulla strada del rifugio Mondovì (km 4,6).
Svoltiamo a destra e seguiamo lo stradone, inquinato dal traffico, che sale alla Porta di Pian Marchisio (km 6,8) dove finalmente i motori si devono arrestare.
Scendiamo alla grande piana che la strada risale con andamento quasi pianeggiante fino ai due tornanti (km 8,5) che risalgono il dosso del rifugio.
A un bivio (km 9,1) svoltiamo a destra, superiamo alcune costruzioni e raggiungiamo il rifugio Mondovì dedicato a Havis - de Giorgio.
Dislivello: -420 m. e +510 m.
Ciclabilità: 93%
Asfalto: 20%
Osservazioni:
Variante 95.1.
Partiamo dal Monte Pigna e scendiamo seguendo il crinale in direzione sud.
Lasciamo a destra (km 0,5) la traccia dell'itinerario 36 e proseguiamo diritto sul sentiero che inizia a salire in direzione della Cima Gardiola.
La poco ciclabile salita giunge a qualche metro dalla vetta (km 1,7) e inizia a scendere.
La comoda discesa ci porta a un bivio su un cocuzzolo con grandi massi (km 2,3).
Proseguiamo diritto e scendiamo a una sella erbosa al di sopra del Gias Crösa dove pieghiamo a destra per aggirare la Cima Piastra.
Il sentiero aggira la sommità ed è poco scorrevola a causa delle numerose grosse pietre.
Arriviamo così alla congiunzione con l'itinerario principale (km 2,9).
E' un percorso panoramico ma poco ciclabile (ciclabilità: 78%; aggiornamento 8/2017).
Variante 95.2.
Sul sentiero che passa a monte del Gias Crösa c'è un bivio dove prendiamo il ramo in salita.
Saliamo ripidamente sul sentiero fino a raggiungere il crinale (km 0,2) dove svoltiamo a sinistra seguendo, al contrario, la variante 95.1.
Saliamo al bivio tra i grandi massi (km 0,3) e svoltiamo a destra.
Percorriamo un sentiero poco visibile ma ben segnato che scende nella prateria.
Dopo qualche tornante arriviamo nel bosco dove prosegue la discesa con molti tornanti, talvolta non facili.
Dopo 80 tornanti arriviamo ad alcuni ruderi e a un bivio (km 1,9) dove giriamo a destra (il sentiero a sinistra porta a Sant'Anna con percorso inadatto alla bici).
Scendiamo con altri tornanti, saliscendi, guadi e molte zone non ciclabili fino a uscire sulla strada di fondovalle (km 3) a cento metri dal Ponte Murato.
E' un percorso poco ciclabile e molto impegnativo. Agosto 2017. Ciclabilità: 78%.

mappa  foto  foto  gps


Updating: 2017/08
Start point: Gias Mascarone
How to arrive: The alp is reached by the itinerary 29 and by the itinerary 36.
Itinerary.
TESTO