Percorsi mtb in Valle Maira
Itinerario 25
Discesa dal Passo della Cavalla ad Acceglio

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 8/2013
Punto di partenza: Passo della Cavalla
Come arrivare: Il passo è raggiunto dall'itinerario 23.
Itinerario.
Al Passo della Cavalla prendiamo il largo sentiero segnalato diretto ad occidente attraverso le pietraie.
Il sentiero risulta meno impegnativo di quanto non sembri e porta ad un bivio (km 0,3) dove andiamo a sinistra.
Attraversiamo fino ad un prato che saliamo a destra su tracce poco visibili. Raggiungiamo così la sommità di un dosso erboso dove ha inizio il largo crinale che seguiamo con qualche saliscendi fino a raggiungere il Colle delle Munie (km 1,3).
Svoltiamo a destra e scendiamo con qualche curva. Nel punto in cui il sentiero svolta a destra (circa 70 metri dal Colle) lo lasciamo per imboccarne un altro a sinistra.
Il sentiero scende ad attraversare un avvallamento e prosegue con percorso tortuoso e molti saliscendi per attraversare un altopiano carsico costellato di doline.
Dopo aver traversato alcune alture rocciose scendiamo leggermente al Col de la Gipière de l'Oronaye (km 2,9).
Svoltiamo a sinistra e scendiamo con bel percorso. Superiamo un gias e raggiungiamo un bivio (km 4) dove giriamo a sinistra.
Il largo sentiero porta ad un bivio (km 4,5) dove incontriamo l'itinerario 1 della Valle Stura.
Iniziamo la lunga salita sul sentiero che percorre l'intero vallone dell'Oronaye con percorso quasi interamente ciclabile.
Al bivio (km 5,4) che precede di poco il Lago dell'Oronaye teniamo la sinistra e superiamo un tratto meno pedalabile.
Proseguiamo più facilmente fino a raggiungere il Col di Roburent (km 6,8) dove entriamo in Italia.
Seguiamo il largo sentiero e scendiamo senza raggiungere il Lago di Roburent perchè al primo bivio (km 7,1) giriamo a sinistra.
Il sentiero è quasi pianeggiante ma sassoso e non sempre ciclabile.
Attraversiamo un dosso con erba e pietre e continuiamo la traversata fino all'inizio della salita (km 7,6).
Inizia una salita ripida ed impedalabile che, con parecchi tornanti, ci porta ad un spalla (km 7,9). Proseguiamo a sinistra, ancora in salita ma con percorso più agevole.
Dopo aver superato un promontorio scendiamo leggermente costeggiando una grande dolina. Affrontiamo l'ultima salita che termina a breve distanza dal Colle della Scaletta che raggiungiamo in sella (km 8,3).
Iniziamo a scendere nel Vallone Roccetta utilizzando una mulattiera che perde quota con moderata pendenza.
Attraversiamo una zona con grandi massi e proseguiamo facilmente con bel panorama fino a raggiungere la Costa Denti dove si apre il Passaggio dell'Escalon (km 9,6).
Affrontiamo il Passaggio sul ripido sentiero che scende con stretti tornanti tra le rocce.
La discesa è breve e proseguiamo più agevolmente raggiungendo il fondo del vallone. La mulattiera corre tra i pascoli costellati da massi di calcare di ogni colore. L'unico ostacolo è rappresentato da zone con pietre, zone che richiedono un'andatura "guidata" ed attenta.
Incontriamo alcuni sentieri segnalati a destra ma proseguiamo sulla nostra mulattiera che esce dalla valle e si affaccia sul Prato Ciorliero.
Un traverso ci porta ad una spalla con immagine sacra (km 12,2) dove scendiamo con alcuni tornanti fino ad un piccolo bivio (km 12,6) dove teniamo la sinistra.
Con veloce discesa raggiungiamo la strada militare (km 13,1) dove incontriamo l'itinerario 13. Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo il bivio con il sentiero percorso dall'itinerario 15.
In comune con quello svoltiamo a destra nel sentiero. Con qualche passaggio difficile il sentiero scende nei pressi della strada asfaltata e prosegue a destra fino ad una strada sterrata.
Svoltiamo a destra e raggiungiamo Viviere. Poco prima delle case scendiamo a sinistra seguendo una sassosa mulattiera che ci porta a Pratolungo (km 14,8).
Superate le case incontriamo un bivio dove andiamo a destra.
Percorriamo una mulattiera acciottolata con grosse pietre (scivolose) che ci porta ad incrociare una sterrata nei pressi di un ponte (km 16,1).
Continuiamo sul sentiero che porta rapidamente a Chialvetta (km 16,4). Dopo la chiesa andiamo a sinistra e subito a destra raggiungendo il cimitero.
L'asfalto ha termine e proseguiamo su una mulattiera erbosa. Un tratto un po' più difficile scende a guadare un ruscello (km 17).
Scendiamo ad attraversare un ponte ed usciamo su una strada asfaltata (km 17,4). Seguiamo l'asfalto a sinistra per una cinquantina di metri e prendiamo la mulattiera a sinistra. Attraversiamo la strada asfaltata e percorriamo un ponte di legno che ci permette di entrare tra le case di Gheit (km 17,6).
Dopo le poche case andiamo a sinistra per ritornare sull'asfalto che seguiamo a destra.
Quando raggiungiamo un ponte non attraversiamo ma svoltiamo a destra nella mulattiera erbosa in discesa.
La mulattiera diventa sentiero che corre alto sul torrente. Scendiamo quattro ripidi tornantini che aggirano un masso e proseguiamo sul sentiero che si allarga a strada.
Alle prime case di Frere (18,9) svoltiamo a sinistra per attraversare un ponte raggiungendo l'asfalto.
Seguiamo la strada in discesa. Al termine della discesa (km 19,4) svoltiamo a sinistra prendendo una stradina asfaltata. Dopo 100 metri l'asfalto termina ed andiamo diritti al bivio (a sinistra segnale furorviante).
La passeggiata raggiunge la strada del vallone Unerzio (km 20,2). Attraversiamo la strada ed entriamo tra le case di Acceglio. Raggiungiamo il ponte e la piazza col parcheggio (km 20,5).
Dislivello: -1760 m e 490 m.
Ciclabilità: 94%
Osservazioni: 
Asfalto: 10%

 mappa  foto  foto  foto  foto  foto  foto  foto  gps


Go down from Cavalla Pass to Acceglio

Updating:
8/2013
Start point: Cavalla Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 23.
Itinerary.
To the Cavalla Pass we take the wide signalled path direct to west through the stony ground.
The path results less binding than it don't seem and leads to a fork (km 0,3) where we go to the left.
We cross to a lawn that we climb to the right on a little visible traces. We reach so the summit of a grassy back where it has beginning the wide ridge that we follow with some ups and downs up to reach the Munies Pass (km 1,3).
We turn to the right and we go down with some curve. In the point in which the path turns to the right (around 70 meters from the Pass) we leave it to take to the left another one.
The path goes down to cross a subsidence and continues with tortuous run and many ups and downs to cross a karstic highland studded of doline.
After having crossed some rocky high ground we slightly go down to the Pass de la Gipière de l'Oronaye (km 2,9).
We turn to the left and we go down with beautiful run. We overcome a gias and we reach a fork (km 4) where we turn to the left.
The wide path brings to a fork (km 4,5) where we meet the itinerary 1 of the Stura Valley.
We begin the long slope on the path that crosses the whole valley of the Oronaye with almost entirely cycle run.
To the fork (km 5,4) that it a little precedes the Lake of the Oronaye we hold the left and we overcome a few cycle tract.
We continue more easily up to reach the Col of Roburent (km 6,8) where we enter Italy.
We follow the wide path and we go down without reaching the Lake of Roburent because to the first fork (km 7,1) we turn to the left.
The path is almost level but stony and not always cycle.
We cross a back with grass and stones and we continue the crossing up to the beginning of the slope (km 7,6).
It begins a steep and not cycle slope that, with quite a lot hairpin bend, it brings us to a shoulder (km 7,9). We continue to the left, again in slope but with easier run.
After having overcome a promontory we slightly go down skirting along a great dolina. We face the last slope that finishes not too far from the the Scaletta Pass that we reach in saddle (km 8,3).
We begin to go down in the Vallone Roccetta using a mule-track that loses quota with moderate inclination.
We cross a zone with great rocks and we easily continue with beautiful panorama up to reach the Costa Denti where it opens the Passage of the Escalon (km 9,6).
We face the Passage on the steep path that goes down with narrow hairpin bend among the rocks.
The descent is short and we continues more easily reaching the bottom of the valley. The mule-track races among the pastures studded by rocks of limestone of every color. The only obstacle is represented from zones with stones, zones that ask for a walk "driven" and careful.
We meet some signalled paths to the right but we continue on our mule-track that goes out of the valley and it leans out on the Lawn Ciorliero.
A beam brings us to a shoulder with holy image (km 12,2) where we go down with some hairpin bend up to a small fork (km 12,6) where we hold the left.
With fast descent we reach the military road (km 13,1) where we meet the itinerary 13. We turn to the left and we reach the fork with the path crossed by the itinerary 15.
In common with that we turn to the right in the path. With some difficult passage the path goes down near the asphalted road and continues to the right to a dirt road.
We turn to the right and we reach Viviere. Just before the houses we go down to the left following a stony mule-track that brings us to Pratolungo (km 14,8).
Overcame the houses we meet a fork where we go to the right.
We cross a clattered mule-track with big stones (slippery) that it brings us to cross an unmetalled road near a bridge (km 16,1).
We continue on the path that quickly brings to Chialvetta (km 16,4). After the church we go to the left and immediately to the right reaching the cemetery.
The asphalt has term and we continues on a grassy mule-track. A tract some more difficulty goes down to ford a brook (km 17).
We go down to cross a bridge and we go out on an asphalted road (km 17,4). We follow to the left the asphalt for about fifty meters and we take to the left the mule-track. We cross the asphalted road and we cross a wood bridge that allows us to enter among the houses of Gheit (km 17,6).
After the few houses we go to the left for returning on the asphalt that we follow to the right.
When we reach a bridge we don't cross but we turn to the right in the grassy mule-track in descent.
The mule-track becomes path that races high on the stream. We go down four steep switchbacks that revolves a rock and we continues on the path that widens to road.
To the first houses of Frere (18,9) we turn to the left for crossing a bridge reaching the asphalt.
We follow the road in descent. At the end of the descent (km 19,4) we turn to the left taking an asphalted narrow road. After 100 meters the asphalt finishes and we goes straight at the fork.
The walk reaches the road of the valley Unerzio (km 20,2). We cross the road and we enter among the houses of Acceglio. We reach the bridge and the square with the parking lot (km 20,5).
Gradient: -1760 ms and 490 ms.
Cycle: 94%
Notes:
Asphalt: 10%