Altopiano della Paganella con la mtb
Itinerario 16
Salita da Margone al Passo di San Giovanni

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 7/2011
Punto di partenza: Margone
Come arrivare:
Itinerario.
Dalla piazza di Margone saliamo qualche metro per raggiungere la chiesa dove svoltiamo a sinistra.
Usciamo dal paese sulla strada che passa a fianco del cimitero e prosegue in moderata salita. In corrispondenza del divieto di transito la pendenza aumenta e saliamo a lungo guadagnando quota con pendenza elevata e costante.
L'asfalto termina ad un piccolo piazzale (km 4,7).
Affrontiamo a destra una impegnativa rampa, pavimentata con autobloccanti, e raggiungiamo Malga di Gagia. Dobbiamo superare un'altra rampa altrettanto ripida ma più breve.
Proseguiamo facilmente superando una sbarra e raggiungiamo l'inizio del sentiero di Sant'Antonino (km 5,4; inizio variante 16.1).
La salita prosegue impegnativa finchè raggiungiamo l'inizio dell'altopiano del Monte Gazza (km 6,7).
La strada attraversa i pascoli con numerosi e moderati saliscendi ed infine sale ad un bivio (km 8,2). Lasciamo la strada che sale al crinale del monte Ranzo (variante 16.2) e scendiamo a sinistra.
Dopo i primi metri la strada prosegue pianeggiante e sale ad una sbarra (km 8,8). Qui svoltiamo a sinistra e seguiamo un largo sentiero che sale ad un prato al cui termine inizia la discesa.
Il sentiero è largo ma piuttosto sassoso e dissestato. Scendiamo con pendenze variabili fino a raggiungere una stradina (km 9,3).
Svoltiamo a destra e scendiamo ad una strada maggiore (km 9,6) che seguiamo a sinistra raggiungendo il vicino Passo di San Giovanni.
Dislivello: 870 m
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 49%
Osservazioni: itinerario percorribile anche in senso contrario con ciclabilità del 96%.
Variante 16.1. utilizzabile solo in discesa.
Al bivio segnalato svoltiamo a sinistra. Il sentiero è subito molto ripido e sassoso e porta in un pascolo dove le tracce diventano esili. Proseguiamo diritti in discesa e raggiungiamo l'inizio della mulattiera caratterizzato a un ometto (km 0,2).
La mulattiera presenta tratti piuttosto stretti ed è costantemente ripida e divertente. Raggiungiamo una statuetta di Sant'Antonino (km 1,3) e la discesa prosegue ripida ma la strada si allarga.
Perdiamo quota nel bosco con pendenze più contenute e raggiungiamo la strada asfaltata (km 1,7).
Attraversiamo e proseguiamo sulla mulattiera che continua la sua discesa con bel percorso lastricato con grandi pietre. In prossimità del paese il fondo diventa cementato e scendiamo rapidamente fino alla chiesa di Margone (km 2,8). Interamente ciclabile. Attenzione perchè la prima parte presenta pendenze del 30%: non so se la legge provinciale si applichi a segmenti diversi di uno stesso sentiero oppure se si debba usare la media. Nel primo caso la prima parte di questa variante non può essere percorsa.
Variante 16.2.
Al bivio proseguiamo diritti e saliamo ad una radura erbosa tra i mughi dove incontriamo un bivio (km 0,4). Svoltiamo a destra ed affrontiamo la salita, non impegnativa ma non interamente ciclabile, che ci porta sulla larga e prativa sommità del monte Ranzo (km 0,7).
Ritorniamo al bivio e svoltiamo a destra. La strada scende ripidamente passando nei pressi di una baita.
Attraversiamo i pascoli e scendiamo alla strada (km 2,3) percorsa dall'itinerario 20, in prossimità della Bocca di San Giovanni.

mappa  gps


Go up from Margone to San Giovanni Pass

Updating:
7/2011
Start point: Margone
How to arrive:
Itinerary.
From the square of Margone we go up some meter to reach the church where we turn to the left.
We go out of the country on the road that passes beside the cemetery and it continues in moderate slope. In correspondence of the prohibition of transit the inclination increases and we climbs for a long time gaining quota with elevated and constant inclination.
The asphalt finishes to a small square (km 4,7).
We face to the right a binding ramp, paved with paving block, and we reach Malga of Gagia. We have to overcome another ramp as many steep but shorter.
We easily continue overcoming a bar and we reach the beginning of the path of Sant'Antonino (km 5,4; beginning varying 16.1).
The slope continues binding as far as we reach the beginning of the highland of the Gazza Mountain (km 6,7).
The road crosses the pastures with numerous and moderated ups and downs and finally climb to a fork (km 8,2). We leave the road that climbs to the ridge of the Ranzo mountain (varying 16.2) and we go down to the left.
After the first meters the road continues level and goes up to a bar (km 8,8). We turn to the left here and follow a wide path that climbs to a lawn to whose term begins the descent.
The path is wide but rather stony and ruined. We go down with varying inclinations up to reach a narrow road (km 9,3).
We turn to the right and we go down to a greater road (km 9,6) that we follow to the left reaching the near Pass of St. Giovanni.
Gradient: 870 ms
Cycle: 100%
Asphalt: 49%
Observations: itinerary practicable also in contrary sense with cycle 96%.
Varying 16.1. usable only in descent.
To the signalled fork we turn to the left. The path immediately is very steep and stony and leads to a pasture where the traces become slender. We continue straight on descent and we reach the beginning of the mule-track characterized to a cairn (km 0,2).
The mule-track offers rather narrow tracts and is constantly steep and amusing. We reach a figurine of Sant'Antonino (km 1,3) and the descent continues steep but the road widens.
We lose quota in the wood with more moderate inclinations and we reach the asphalt road (km 1,7).
We cross and we continue on the mule-track that continues its descent with beautiful run paved with great stones. In proximity of the country the flooring becomes cemented and we quickly go down up to the church of Margone (km 2,8). Entirely cycle. Attention because the first part offers 30% inclinations: I don't know if the provincial law is applied to different segments of a same path or if we have to use the average. In the first case the first part of this variation cannot be crossed.
Varying 16.2.
To the fork we continue straight on and we climb a grassy clearing among the mugos where we meet a fork (km 0,4). We turn to the right and we face the slope, not binding but not entirely cycle, that brings us on the wide and meadow summit of the Ranzo mountain (km 0,7).
We return to the fork and we turn to the right. The road steeply goes down passing near a log cabin.
We cross the pastures and we go down to the road (km 2,3) crossed by the itinerary 20, in proximity of the Bocca of St. Giovanni.