Itinerari mtb in Val Pusteria
Itinerario 03
Salita da Toblach al rifugio Biella

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento:  9/1998
Punto di partenza: Toblach
Come arrivare:
Itinerario.
Dalla parte nuova di Toblach (Dobbiaco) parte la strada statale per Cortina. Essa è affiancata da una stradina minore, utilizzata come pista per lo sci di fondo, ed utilizzabile come pista ciclabile.
La stradina segue il tracciato dell´antica ferrovia austroungarica che collegava Cortina alla ferrovia della val Pusteria.
Inizialmente si passa fra le case per raggiungere il bel lago di Dobbiaco. Si segue la sponda destra idrografica proseguendo la salita, a volte a sinistra della strada e a volte a destra.
Si arriva così alla stazione di Landro e poi al lago.
Dopo il lago la stradina si allontana dalla statale. La si segue fino a sbucare sull´asfalto al passo di Cimabanche, confine col Veneto. Si inizia a scendere per la stradina a sinistra della statale su cui occorre poi salire per raggiungere il marcato tornante dove si lascia la statale per salire a destra.
La stradina sale molto ripida portando sul ripiano di Ra Stua. Qui si supera la sbarra e ci si innalza con una diagonale, ripida e sconnessa, per superare le pareti che circondano la valletta.
Si giunge ad un bivio nei pressi del rifugio Sennes (a sinistra, pressocchè invisibile).
Si va a destra, in salita, e si arriva ad una svolta del sentiero da dove si vede il rifugio. Segue un tratto abbastanza sconnesso che si dirige verso la Croda del Becco; arrivato alla base del monte il sentiero svolta a destra e conduce abbastanza rapidamente al rifugio Biella.
Dislivello: 1200 m
Ciclabilità: 100%
Osservazioni: Discesa dalla stessa parte. La discesa sul lago di Braies non è ciclabile.

mappa


Ascent from Toblach to the Biella hut

Updating:
9/1998
Start point: Toblach
How to arrive:
Itinerary.
From the new share of Toblach (Dobbiaco) it starts the national road to Cortina. It is placed side by side by a narrow road.
The road follows the layout of the ancient railroad that connected Cortina to the railroad of the Pusteria valley.
Initially we cross among the houses to reach the beautiful lake of Dobbiaco. The right hydrographyc bank we follow continuing the slope, at times to the left in the road and at times to the right.
We arrive so to the old station of Landro and then to the lake.
After the lake the small road is estranged from the national road. We follow it to go out on the asphalt road to the pass of Cimabanche, border with Veneto. We begin to go down to the left on the small road; then we enter on the national road and go down up to reach the hairping curve. Here we leave the national road to climb to the right.
A small asphalt road rises very steep and leads on the ledge of Ra Stua. Here we get over the bar and rise with a diagonal, steep and rough, to get over the walls that surround the small valley.
We reach an alternative near the shelter Sennes (to the left, almost hidden).
We go to the right, in slope, and we arrive to a turn of the path from where the shelter Biella is seen. The road, enough rough, it is directed toward the Croda del Becco. Arrived at the base of the mountain we turn to the right and we quickly enough reach the shelter Biella.
Gradient: 1200 ms
In saddle: 100%
Observations: