Itinerari mtb in Valle Stura
Itinerario 11
Discesa dal Passo di Pera Puntua a San Giacomo

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 8/2006
Punto di partenza: Passo di Pera Puntua
Come arrivare: Il passo è raggiunto dall'itinerario 10.
Itinerario.
Dalla depressione del colle saliamo a sinistra raggiungendo la base del roccione che dà il nome al valico.
Una traccia di sentiero scende in diagonale nel prato. La seguiamo con percorso abbastanza ciclabile. La traccia, che ogni tanto si perde, raggiunge un largo costolone erboso, lo segue per poco e svolta a sinistra (km 0,4; qui conviene proseguire diritti: vedi variante 11.1).
Scendiamo con difficoltà in una valletta con una sorgente e seguiamo la traccia che sale. Attraversiamo altre sorgenti, posto ideale per incontrare qualche bel marasso.
Le tracce prendono a salire e dobbiamo abbandonarle. Scendiamo a destra seguendo un costolone che presto si rivela impedalabile a causa dei massi nell'erba.
La pendenza aumenta e scendiamo direttamente tra rocce e ripidi pendii puntando a raggiungere le visibili costruzioni del gias sotto di noi.
La pendenza diminuisce e possiamo fare in sella gli ultimi metri raggiungendo il gias Contard (km 1,4).
Seguiamo la strada di servizio che scende e raggiunge una strada maggiore. Continuiamo a scendere sulla strada che diventa asfaltata e raggiunge San Giacomo (km 6).
Dislivello: 775 m in discesa.
Ciclabilità: 85%
Osservazioni:
Asfalto: 53%
Variante 11.1.
Il percorso che ho seguito e sopra descritto è il peggiore possibile. L'itinerario migliore è evidente dal basso ed è il seguente.
Dopo circa 350 metri di discesa, quando la traccia di sentiero lascia il costone erboso, proseguiamo la discesa diritti sulla dorsale erbosa. Quando il pendio diviene molto ripido possiamo svoltare a sinistra per attraversare il ruscello e raggiungere il gias Contard. Non l'ho percorso.

 mappa  gps


Descent from the Pass Pera Puntua to St. Giacomo

Updating:
8/2006
Start point: Pera Puntua Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 10.
Itinerary.
From the depression of the Pass we climb to the left reaching the base of the big rock that gives the name to the pass.
A trace of path goes down in diagonal in the lawn. We follow it with enough cycle run. The trace, that sometimes loses its, reaches a wide grassy side, it follows it for few and turns to the left (km 0,4; here it is worthwhile to continue straight on: you see varying 11.1).
We go down with difficulty in a valley with a source and we follow the trace that climbs. We cross other sources, ideal place to meet some beautiful viper.
The traces climb and we have to abandon it. We go down to the right following a hillside that soon it reveals no cycle because of the rocks in the grass.
The inclination increases and we directly goes down between rocks and steep slant aiming to reach the visible constructions of the gias under of us.
The inclination decreases and we can do in saddle the last meters reaching the gias Contard (km 1,4).
We follow the road of service that goes down and it reaches a greater road. We keep on going down on the road that becomes tarmac and it reaches St. Giacomo (km 6).
Gradient: 775 ms in descent.
Cycle: 85%
Observations:
Tarmac: 53%
Varying 11.1.
The run that I have followed and described it is the worse possible. The best itinerary is evident from the lower part.
Later around 350 meters descent, when the trace of path leaves the grassy hillside we continue the descent straight on the grassy side. When the slant becomes very steep we can turn to the left to cross the brook and to reach the gias Contard. I have not crossed this run.