Percorsi mtb in Val Susa
Itinerario 07
Salita da Salbertrand al Forte Jafferau

Vai agli altri itinerari della valle


Aggiornamento: 7/2003
Punto di partenza: Salbertrand
Come arrivare: Il pease è raggiunto dall'itinerario 6 e dall'itinerario 14.
Itinerario.
Dalla chiesa di Salbertrand seguiamo la SS in direzione di Torino. La strada sale con qualche tornante per superare la Serre La Voute e, raggiunta la sommità, svoltiamo a sinistra nella strada per Pramand (km 2,5).
La strada è asfaltata e sale con regolarità. Agli incroci seguiamo le indicazioni per Pramand ed arriviamo ad una chiesetta dove inizia lo sterrato (Moncellier; km 5,4).
La salita prosegue su buon fondo fino al bivio per grange Millaures, poi peggiora. Attraversiamo un ponticello e saliamo incontrando una brevissima galleria (km 11,7).
Ancora qualche tornante ed usciamo su un ampio piazzale (km 13,4). A sinistra una strada porta al forte Pramand, poi vediamo il sentiero che scende a Oulx mentre di fronte prosegue la strada sotto alle pittoresche pareti calcaree del monte Seguret.
Ci inoltriamo in questa strada che sale con pendenza moderata. Attraversiamo una breve galleria e ci troviamo di fronte all'imbocco della galleria dei saraceni (km 15,7).
Accendiamo le luci e ci inoltriamo nel tunnel. Dopo pochi metri la galleria curva ed il buio è totale, mentre intorno a noi scorre l'acqua.
La galleria è in leggera salita. Usciamo (km 16,6) e raggiungiamo i ruderi di una caserma. Ancora un tratto in salita poi la strada scende fino a superare una spalla.
La salita riprende sostenuta ed arriviamo ad un tornante con un bivio importante (km 18,6). La strada a sinistra scende a Savoulx o raggiunge Bardonecchia.
Noi proseguiamo sulla strada principale che sale con bella vista sulla galleria e sulle grotte dei saraceni.
La salita si mantiene impegnativa mentre si susseguono i tornanti e finalmente usciamo sul Col Basset (km 21,9).
La strada sale ancora costeggiando il versante settentrionale della montagna, poi scende e sale nuovamente per superare alcune roccette (km 23,5). Da qui bella vista sul forte con le diagonali della strada militare e lo sfregio a sinistra lasciato dai vandali motorizzati.
Scendiamo al valico ed iniziamo a salire.
La pendenza di questa strada è modesta ma la progressione è ostacolata dalle pietre del lastricato, disposte a coltello.
Arriviamo al termine della strada in una piazzola sotto alle mura (km 25,8). Proseguiamo in piano a destra, passiamo di fronte agli ingressi dei sotterranei, superiamo due dossi e saliamo raggiungendo il crinale ed un bivio (km 26,2).
Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo la sommità del forte e del monte (km 26,4).
Dislivello: 1810 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 20%
Osservazioni: Assolutamente indispensabile un sistema di illuminazione efficiente!

 mappa  foto
Ascent from Salbertrand to Fortress Jafferau

Updating:
7/2003
Start point: Salbertrand
How to arrive: The country is reached by the itinerary 6 and by the itinerary 14.
Itinerary.
From the church of Salbertrand we follow the National Road in direction Turin. The road climbs with some hairping curves to overcome Serre La Voute and, reached the summit, we turn to the left in the road to Pramand (km 2,5).
The road is tarmac and climbs with regularity. At the intersections we follow the indications Pramand and we arrive to a little church where it begins the metal road (Moncellier; km 5,4).
The ascent continues on good ground up to the fork for grange Millaures, worsens then. We cross a bridge and climb meeting a short gallery (km 11,7).
Some hairping curves still and we go out on an ample square (km 13,4). To the left a road leads to the Fortress Pramand, see then the path that goes down to Oulx while opposite a road continues under to the picturesque calcareous walls of the Seguret mountain.
We advance in this road that climbs with moderate inclination. We cross a short gallery and we arrive the entrance of the gallery of the Saracens (km 15,7).
We turn on the lights and we advance in the tunnel. After few meters the gallery it bends and the dark it is total, while around us it flows the water.
The gallery is in light ascent. We go out (km 16,6) and we reach the ruins of a barracks. We climb a stretch in ascent then the road it goes down up to overcome a shoulder.
The ascent takes back sustained and we arrive to a hairping curve with an important fork (km 18,6). To the left the road goes down to Savoulx or it reaches Bardonecchia.
We continue on the main road that climbs with beautiful sight on the gallery and on the caves of the Saracens.
The ascent maintains its binding while the hairping curves followed one another and we finally go out on the Basset Pass (km 21,9).
The road climbs still skirting along the northern slope of the mountain, then it goes down and climbs again to overcome some rocks (km 23,5). From here beautiful sight on the Fortress with the diagonals of the military road and the slash, to the left, digs by the motorized vandals.
We go down to the pass and we begin to climb.
The inclination of this road is modest but the progression is hindered by the stones of the pavement, prepared to knife.
We reach at the end of the road in a platform, under the walls (km 25,8). We continue in plain to the right; we pass in front of the entries of the undergrounds, get over two backs and climb reaching the ridge and a fork (km 26,2).
We turn to the left and we reach the summit of the Fortress and of the mountain (km 26,4).
Gradient: 1810 ms.
On saddle: 99%
Tarmac: 20%
Observations: Absolutely essential a system of efficient illumination!