Percorsi mtb in Val Badia
Itinerario 06
Discesa dal rifugio Genova al Passo delle Erbe

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 7/2012
Punto di partenza: rifugio Genova
Come arrivare: Il rifugio è raggiunto dall'itinerario 2, dall'itinerario 16, dall'itinerario 29.
Itinerario.
Lasciamo il rifugio e prendiamo il largo sentiero a sinistra dei due che si dirigono a est.
Il sentiero sale con bassi scalini e raggiunge il crocevia di sentieri al Passo di Poma (km 0,3). Dei due sentieri che scendono seguiamo quello più a sinistra seguendo, al contrario, l'itinerario 2.
Lasciamo a sinistra (km 0,4) il sentiero per la Forcella del Sass da Putia e scendiamo ad una zona acquitrinosa che attraversiamo su alcuni ponticelli.
Avanziamo con qualche saliscendi e raggiungiamo una spalla (km 1,1). Il sentiero scende con bassi scalini che non costituiscono un grosso ostacolo.
Un tratto scalinato più ripido ci porta al termine del sentiero (km 1,8) nei pressi di una malga.
Seguiamo la strada incontrando due incroci dove seguiamo la strada in discesa.
Ad un terzo incrocio (km 2,2) svoltiamo a sinistra e scendiamo giungendo sui pascoli ai piedi del Sass da Putia.
La strada corre quasi pianeggiando tra i fienili che costellano i pascoli. Superiamo una spalla (km 3,7) e scendiamo per aggirare un dosso.
In salita raggiungiamo un poggio con un Cristo intagliato (km 4,3) e scendiamo giungendo a pochi metri dall'Ütia Vaciara (ristorante; km 4,7).
Proseguiamo per duecento metri e svoltiamo a sinistra imboccando un sentiero segnalato.
La prima parte è in salita e ci porta a superare una spalla (km 5). Proseguiamo più facilmente fino a salire al Passo di Göma (km 5,7).
Il largo sentiero scende un tratto scalinato e prosegue ripido attraversando un ghiaione.
Attraversiamo un bosco ed usciamo tra i pascoli (km 6,8) dove il sentiero diventa una strada agricola.
Seguiamo la strada che sale ad un bivio (km 7,5) dove proseguiamo diritto ignorando le segnalazioni. Dopo cento metri svoltiamo a sinistra e saliamo all'Ütia de Göma (km 7,7; bar, ristorante).
Proseguiamo sul largo sentiero che sale scalinato ma ciclabile e giunge su un panoramico dosso.
Proseguiamo in discesa ed entriamo nel bosco dominato dall'imponente parete del Sass da Pütia.
Attraversiamo la foresta costellata da giganteschi massi di antiche frane che costringono il sentiero ad un andamento tortuoso e con saliscendi non sempre ciclabili.
Bosco e massi terminano (km 9,2) quando il sentiero diventa una strada che attraversa i pascoli e raggiunge un piccolo ristoro (km 9,5; Munt de Fomela).
Dopo cento metri svoltiamo a destra e seguiamo l'ampia strada che scende, sale ad un bivio (km 10,4) ed infine scende al Passo delle Erbe (Würzjoch; km 10,7).
Dislivello: -560 m e 250 m.
Ciclabilità: 96%
Asfalto: 0%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto


Go down from Genova Hut to Campill

Updating: 7/2012
Start point: Genova hut
How to arrive: The Hut is reached by the itinerary 2, by tha itinerary 16, by the itinerary 29.
Itinerary.
We leave the hut and we take to the left the wide path of the two that they are directed to east.
The path climbs with low stairs and reaches the crossroad of paths to the Pass of Poma (km 0,3). Of the two paths that go down we follow to the left that following, contrarily, the itinerary 2.
We leave to the left (km 0,4) the path to the Fork of the Sas de Putia and we go down to a swampy zone that we cross on some bridges.
We advance with some ups and downs and we reach a shoulder (km 1,1). The path goes down with low stairs that don't constitute a hard obstacle.
A tract steep and with stairs brings us at the end of the path (km 1,8) near a "malga".
We follow the road meeting two intersections where we follow the road in descent.
To a third intersection (km 2,2) we turn to the left and we go down reaching on the pastures the feet of the Sass de Putia.
The road almost races plain among the barns that stud the pastures. We overcome a shoulder (km 3,7) and we go down for revolving a back.
In slope we reach a knoll with a carved Christ (km 4,3) and we go down reaching few meters from the Ütia Vaciara (restaurant; km 4,7).
We continue for two hundred meters and we turn to the left taking a signalled path.
The first part is in slope and brings us to overcome a shoulder (km 5). We continue more easily up to climb the Pass of Göma (km 5,7).
The wide path goes down a stair and continues steep crossing a scree.
We cross a wood and we go out among the pastures (km 6,8) where the path becomes an agricultural road.
We follow the road that climbs to a fork (km 7,5) where we continue straight ignoring the signalings. After one hundred meters we turn to the left and we go up to the Ütia de Göma (km 7,7; cafe, restaurant).
We continue on the wide path that climbs with stairs but cycle and it comes on a panoramic back.
We continue in descent and we enter the wood dominated by the imposing wall of the Sass de Pütia.
We cross the forest studded by gigantic rocks of ancient landslides that they force the path to a tortuous course and with ups and downs not always cycle.
Wood and rocks finish (km 9,2) when the path becomes a road that crosses the pastures and it reaches a small comfort (km 9,5; Munt de Fomela).
After one hundred meters we turn to the right and we follow the ample road that goes down, goes up to a fork (km 10,4) and it finally goes down to the Pass of the Erbe (Würzjoch; km 10,7).
Gradient: -560 ms and 250 ms.
Cycle: 96%
Asphalt: 0%
Observations: