Itinerari mtb in Valdigne
Itinerario 16
Discesa dal rifugio Bertone a Courmayeur, via La Saxe

Vai agli altri itinerari della valle


Aggiornamento: 7/2008
Punto di partenza: rifugio Bertone
Come arrivare: Il rifugio è raggiunto dall'itinerario 1.
Itinerario.
Dal rifugio Bertone affrontiamo la impedalabile salita percorsa (in discesa) all'arrivo e guadagnamo la spalla nei pressi della tavola di orientamento (km 0,4).
Percorriamo a ritroso il sentiero che taglia il versante con qualche saliscendi, sempre ciclabile in questo senso di marcia, e raggiungiamo un evidente bivio segnalato (km 2,2). Svoltiamo a sinistra e scendiamo seguendo al contrario l'itinerario di salita fino alle rovine dell'alpe Leuchey desot (km 3,4).
Svoltiamo a sinistra in un sentierino tra i prati. Il sentiero è quasi pianeggiante fino al bosco poi scende ripido con tornanti e qualche gradino.
Non è un sentiero molto frequentato ma è stretto e ciò impone andatura attenta ad eventuali escursionisti.
Dopo qualche tornante il sentiero effettua una diagonale e termina su una strada sterrata (km 5,1; a destra un ponte collega con l'asfalto).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la sterrata che raggiunge Pont Pailler dove si restringe a mulattiera erbosa in discesa.
Incontriamo un bivio (km 5,7) dove svoltiamo a sinistra. ATTENZIONE! Il sentiero è chiuso anche se mancano segnalazioni in posto. Se decidessimo di proseguire violeremmo l'ordinanza sindacale; inoltre dovremmo attraversare una frana MOLTO PERICOLOSA. E' opportuno quindi non prendere questo sentiero ma continuare sulla mulattiera che porta all'asfalto.
Proseguo con la descrizione che potrà essere utilizzata solo quando la frana sia stata messa in sicurezza.
Il sentiero è in moderata discesa tra l'erba, supera una passerella e scende un tratto ripido e fangoso che ci porta nella zona della frana (km 6,4).
Grandi massi e buchi sul sentiero indicano il grave pericolo. Attraversiamo in fretta un canalone ingombro di alberi distrutti dalle pietre e proseguiamo alla massima velocità per portarci fuori tiro.
Il sentiero prosegue agevolmente e raggiunge un bivio dove vi è lo sbarramento del sentiero (che manca invece dall'altra parte). Proseguiamo a sinistra, superiamo una passerella (chiodi sporgenti) ed usciamo su un ampio piazzale (km 7,5).
Andiamo a sinistra e percorriamo un largo sentiero tra le pareti incombenti e la sottostante strada. Una breve salita ci porta alle prime case di La Saxe (km 8,3).
Attraversiamo il vecchio paese ed usciamo sulla strada di accesso che seguiamo fino al bivio (poco prima, a sinistra, percorso pedonale). Andiamo a sinistra fino all'incrocio con la strada per Villair (km 9,2).
Svoltiamo a destra e scendiamo alla piazza della chiesa di Courmayeur (km 9,5).
Dislivello: -820 m.
Ciclabilità: 98% (con la frana)
Asfalto: 15%
Osservazioni: assolutamente sconsigliabile fino al risanamento della frana.

 mappa  gps  foto  foto


Descent from Bertone hut to Courmayeur, via La Saxe

Updating:
7/2008
Start point: Bertone hut
How to arrive: The hut is reached by the itinerary 1.
Itinerary.
From the refuge Bertone we face the no cycle slope crossed (in descent) to the arrival and gain the shoulder near the table of orientation (km 0,4).
We cross backwards the path that cuts the slope with some ups and downs, always cycle in this sense of march, and we reach an evident signalled fork (km 2,2). We turn to the left and we go down following contrarily the itinerary of slope up to the ruins of the alp Leuchey desot (km 3,4).
We turn to the left in a narrow path among the lawns. The path is almost level up to the wood then it goes down steep with switcbacks and some step.
It is not a path very frequented but it is narrow and this imposes careful walk to possible excursionists.
After some hairpin bends the path effects a diagonal and finishes on an unmetalled road (km 5,1; to the right a bridge connects to the asphalt).
We turn to the left and we follow the unsurfaced road that reaches Pont Pailler where it narrows to grassy mule-track in descent.
We meet a fork (km 5,7) where we turn to the left. ATTENTION! The path is closed even if they miss signalings in place. If we decided to continue we would violate the Mayor Ordinance; besides we should cross a VERY DANGEROUS landslide. It's better therefore not to take this path but to continue on the mule-track that brings to the asphalt.
I continue with the description that can be used only when the landslide has been put in safety.
The path is moderate descent among the grass, it overcomes a gangway and it goes down a steep and muddy tract that brings us in the zone of the landslide (km 6,4).
Great rocks and holes on the path point out the serious danger. We cross in hurry a gully obstructed of trees destroyed by the stones and we continue to the maximum speed to bring us out of shot.
The path easily continues and it reaches a fork where the obstruction of the path there is (that it misses instead on the other side). We continue to the left, we overcome a gangway (leaning nails) and we go out on an ample square (km 7,5).
We go to the left and we cross a wide path between the incumbent walls and the below road. A brief slope brings us to the first houses of La Saxe (km 8,3).
We cross the old country and we go out on the road of access that we follow up to the fork (to the left pedestrian shortcut). We go to the left up to the intersection with the road for Villair (km 9,2).
We turn to the right and we go down to the square of the church of Courmayeur (km 9,5).
Gradient: -820 ms.
Cycle: 98% (with the landslide)
Asphalt: 15%
Observations: absolutely unadvisable until the renewal of the path.