Percorsi mtb in Valtellina
Itinerario 17
Salita da Santa Caterina al rif. Pizzini

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 7/2005
Punto di partenza: Santa Caterina Valfurva
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 10, dall'itinerario 14, dall'itinerario 16, dall'itinerario 19, dall'itinerario 20, dall'itinerario 21.
Itinerario.
Dalla piazza al centro del paese prendiamo la strada che inizia a fianco dell'ufficio del turismo.
Seguiamo la strada asfaltata e pianeggiante. Dopo circa 1500 metri la strada inizia a salire e la salita si presenta ripida e costante.
Una breve discesa al km 4 ci permette di rifiatare, ma poi la salita riprende ripida fino al termine.
Una breve discesa sterrata ci porta ad un bivio (km 5,3). Lasciamo a destra la strada per i parcheggi e saliamo a sinistra aggirando l'edificio del rifugio Forni fino ad un bivio (km 5,5).
Prendiamo la strada che sale ed affrontiamo qualche ripido tornante. La pendenza diminuisce e proseguiamo fino ad un bivio (km 6,9).
Proseguiamo diritto e seguiamo la strada che entra nella Val Cedec. La pendenza non è eccessiva, ma aumenta un po' nel tratto finale.
Dopo un ponticello raggiungiamo il rifugio Pizzini (km 11,1).
Prendiamo la strada che prosegue oltre il rifugio salendo a superare un dosso. Scendiamo ad attraversare una serie di ruscelli che provengono dal vicino ghiacciaio e proseguiamo facilmente.
Attraversiamo una passerella (km 12) poi la pendenza aumenta e con un duro strappo arriviamo quasi sul cocuzzolo dove sorge la teleferica di servizio del rifugio Casati (km 12,4).
Prima di arrivare al piazzale scendiamo a destra seguendo il sentiero segnalato. Attraversiamo una passerella sull'emissario di un piccolo lago e ci fermiamo (km 12,8).
La prosecuzione per il Casati è solo pedonale.
Dislivello: 1100 m
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 40%
Osservazioni: la strada è aperta al traffico fino al rifugio Forni, poi il traffico è limitato ai fuoristrada autorizzati che, nei giorni di maggior frequentazione, rendono invivibile questo percorso.

 mappa


Ascent from Santa Caterina to Pizzini hut

Updating:
7/2005
Start point: Santa Caterina Valfurva
How to arrive: The village is reached by the itinerary 10, by the itinerary 14, by the itinerary 16, by the itinerary 19, by the itinerary 20, by the itinerary 21.
Itinerary.
From the square in the center of the country the road that begins beside the office of the tourism we take.
We follow the tarmac and level road. Later around 1500 meters the road begins to climb and the ascent is constantly steep.
A short descent to the km 4 allow us to breathe, but then the ascent takes again steep up to the term.
A brief descending dirt road leads to a fork (km 5,3). We leave to the right the road for the parking lot and climb to the left revolving the building of the shelter Forni up to a fork (km 5,5).
We take the road that climbs and we face some steep hairpin bends. The inclination decreases and we continues up to a fork (km 6,9).
We continue straight on and we follow the road that enters the val Cedec. The inclination is not excessive, but it increases some in the final stretch.
After a bridge we reach the shelter Pizzini (km 11,1).
We take the road that continues over the shelter climbing to overcome a back. We go down to cross a series of brooks that they originate from the near glacier and we easily continue.
We cross a footbridge (km 12) then the inclination increases and with a hard ramp we almost arrive on the summit where rises the cableway of service of the shelter (km 12,4).
Before arriving to the square we go down to the right following the signalled path. We cross a footbridge on the emissary of a small lake and we stop there (km 12,8).
The prosecution for the Casati Hut is only pedestrian.
Gradient: 1100 ms
Rideable: 97%
Tarmac: 40%
Observations: the road is open to the traffic up to the shelter Forni, then the traffic is limited to the authorized off-road cars that, in the days of greater frequenting, make invivibile this run.